• teatro_01
  • diploma
  • nuovo corso



Da pochi minuti ho appreso questa terribile notizia: il commissario Antonini, la colonna del nostro istituto, colui che nella nostra scuola ha svolto per vent’anni il ruolo di Commissario straordinario, l’equivalente del consiglio d’istituto, facendo quello che in altre scuole fanno ben 19 persone...

Il commissario Antonini stamattina ci ha lasciato.

Lo scrivo e non ci credo; il Commissario era una uomo perbene, sempre attento e disponibile, scrupoloso e onesto: un gentiluomo di altri tempi; mi consigliava e mi sosteneva in ogni mia scelta come un padre, come una persona che voleva bene al Magarotto. Una vicinanza discreta ma efficace, non invasiva ma produttiva

La nostra scuola senza il commissario Antonini non sarà più la stessa, mancherà tantissimo ad ognuno di noi.
Grazie Commissario, per tutto ciò che ha fatto in questi 20 anni per il Magarotto; grazie per esserci stato.

Si comunica che, fino a data da destinarsi, il ricevimento al pubblico è sospeso. Per comunicazioni urgenti si prega di inviare una email all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiamare al numero 049 720700)

Care bambine e cari bambini,

Care studentesse e cari studenti,

Care famiglie,

scrivo a tutti voi in un momento molto difficile e delicato  che il nostro Paese sta vivendo, a mia memoria il momento peggiore da quando sono nella scuola, e vi assicuro che non sono pochi giorni.

Le notizie in questi giorni si sono susseguite frenetiche, contraddittorie, abbiamo dovuto barcamenarci tra bozze di decreti e fake news, tra bollettini medici e comunicati ufficiali, finché è arrivata la notizia che tutti attendevamo con paura: tutte le scuole d’Italia chiuse fino al 15 marzo.

L’attendevamo con paura perché questa misura ha dato  a tutti la misura concreta della gravità della situazione, certamente; ma anche perché noi, gente di scuola, siamo stati percorsi dal dubbio: saremo in grado di far fronte ad una situazione così seria, saremo in grado di non lasciare soli alunni, studenti e famiglie, facendo loro sentire la nostra presenza, se pur molto distanti, in modo efficace? E allora, dalla sera stessa in cui abbiamo ricevuto la notizia della chiusura, ci siamo dati da fare per garantire che bambini e ragazzi possano in ogni modo continuare a seguire il loro percorso scolastico, certamente con modalità differenti, forse più rilassanti, ma non per questo meno efficaci. Tantissimi docenti hanno già fatto arrivare ai loro allievi i primi compiti, le prime esercitazioni, moduli di recupero e moduli di approfondimento; se pure a casa, stanno in ogni modo cercando di mantenere il loro legame coi “loro” bambini, coi “loro” ragazzi. È di pochi minuti fa la notizia che, nella sede di Roma, è assicurato il servizio degli Assistenti alla comunicazione, grazie ad un opportuno provvedimento della Regione Lazio, che ha consentito anche a queste preziose figure la possibilità di lavorare a distanza.

La scuola  non si ferma. Semmai cambia, si adatta, ma non viene meno al suo compito fondamentale: vogliamo esserci e dare il massimo, per costruire occasioni di crescita delle cittadine e dei cittadini del futuro.

Invito dunque genitori e alunni a controllare frequentemente il Registro elettronico, la casella di posta elettronica e le varie chat di messaggistica, perché con ogni mezzo faremo arrivare a tutti materiali didattici e notizie sull’evolversi della situazione.

Saluto tutti voi con tantissimo affetto

La “vostra” Preside

Isabella Pinto

Non ci sarà mai notte così lunga da impedire al nuovo Sole di risorgere

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.

Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori informazioni