• 1_g_scuola
  • Back_School
  • pon

A tutte le famiglie

A tutte le studentesse e a tutti gli studenti

A tutte le convittrici e a tutti i convittori

A tutto il personale docente, educativo ed ATA

Dell’ISISS Antonio Magarotto

Sede di Roma, vicolo del Casal Lumbroso 129

Sede di Roma, Via Nomentana 56

Sede di Padova

Sede di Torino

Con riferimento a quanto in oggetto, si comunica che in data 04.03.2020 il Presidente del Consiglio, in accordo col Ministro dell’Istruzione, ha deciso di attuare, quale misura straordinaria e urgente per il contenimento del COVID 19, la sospensione dei servizi educativi per l’infanzia nonché delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado.

Al momento non è stato ancora pubblicato il DPCM firmato dagli organi competenti, tuttavia si ritiene opportuno avvisare quanti in indirizzo della misura decisa, in vigore già dalla giornata di domani, giovedì 05.03.2020, anche alla luce di quanto appena pubblicato sul sito del M.I.:

https://www.miur.gov.it/web/guest/-/coronavirus-azzolina-attivita-didattiche-sospese-fino-al-15-marzo

Pertanto, dalla giornata di domani e fino al 15 marzo, salvo ulteriori decisioni assunte in merito:

  • Le lezioni saranno sospese; conseguentemente, alunni e studenti dovranno rimanere a casa;
  • Le convittrici e i convittori dovranno far ritorno a casa;
  • Il Dirigente scolastico, il D.S.G.A. e il personale A.T.A. saranno regolarmente in servizio.

In base all’evolversi della situazione, verranno forniti ulteriori aggiornamenti.

cliccare sul link: https://youtu.be/ogNIh9Haqqw

A TUTTE LE FAMIGLIE

A TUTTO IL PERSONALE

DELL' I.S.I.S.S. A.MAGAROTTO -  SMS  FABRIANI  SEDE DI ROMA,

VICOLO DEL CASAL LUMBROSO 129

Oggetto: aggiornamento disposizioni emergenza Coronavirus

Facendo seguito alle precedenti note relative all'emergenza Coronavirus, si comunica a quanti in indirizzo che, per effetto del Decreto del Consiglio dei Ministri di sabato 22 febbraio 

http://www.governo.it/it/articolo/comunicato-stampa-del-consiglio-dei-ministri-n-31/14163

visto il comunicato stampa del Ministro dell'Istruzione 

https://www.miur.gov.it/web/guest/-/coronavirus-comunicazione-alle-scuole-sui-viaggi-di-istruzione

si dispone quanto segue:

  1. Da lunedì 24 febbraio, e fino a nuove disposizioni da parte delle autorità competenti, verrà garantito solo l'ordinario svolgimento delle lezioni, nonché il normale espletamento delle attività convittuali.
  2. Viene disposto l’annullamento di tutte le uscite e i viaggi di istruzione.
  3. Restano confermate tutte le disposizioni in termini di prevenzione e di rispetto delle fondamentali norme igieniche fornite con comunicato precedente e pubblicate sul sito della scuola.

In base all’evolversi della situazione, seguiranno ulteriori aggiornamenti. I destinatari del presente comunicato sono pertanto invitati a consultare frequentemente il sito della scuola.

 

Il laboratorio, cui hanno partecipato gli alunni della III B di Via Nomentana insieme alla professoressa Moretti Maria Grazia, ha approfondito alcuni aspetti della censura fascista rivolta non solo contro l’uso dei forestierismi e delle parole alloglotte ma contro tutto ciò che “suonava” straniero e contrario all’ordine, alle regole e all’etnocentrismo fascista, come la musica jazz fatta di disordine organizzato nei ritmi e nei componenti delle band musicali. Dopo il grande successo negli “anni ruggenti“ e la sua diffusione grazie all’invenzione della radio ad opera di Marconi, l’autarchia, la guerra di Etiopia del ’35 e l’approvazione delle leggi razziali vedono l’intensificarsi del proibizionismo ma, contrariamente ai divieti delle istituzioni e dei gerarchi, il jazz si diffonde con la nascita della discografia e viene ascoltato e suonato clandestinamente o “italianizzato”. In tutta Europa i musicisti ebrei vengono deportati e spesso costretti a suonare, loro malgrado, nei campi di concentramento, come per esempio a Terezìn, il lager dei bambini.

Casa della Memoria e della Storia, 7 Febbraio 2020

notetragichedeljazz

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.

Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori informazioni