• 1_g_scuola
  • Back_School
  • pon

Il centro Assistenza per Bambini Sordi e Sordociechi (CABBS) organizza presso la nostra scuola secondaria di I grado una serie di incontri laboratoriali per lavorare su pensieri, emozioni e relazione tra segni e parole. Si tratta di un’opportunità per studenti e docenti di avvicinare la cultura dei sordi a quella degli udenti e comprendere le strade preferenziali per la reciproca inclusione.

Non tutti sanno che la scuola Fabriani Magarotto è una scuola integrata dove viene insegnata anche la Lingua Italiana dei Segni in modo che i ragazzi che la frequentano siano in grado di comunicare tra loro a prescindere dal fatto che siano udenti o sordi.

Questa è una grande ricchezza e un elemento che rende la nostra scuola una punta d’eccellenza dell’offerta della scuola pubblica a Roma e in Italia.

Il laboratorio "Pensieri, emozioni e relazioni tra segni e parole: un modello educativo completo ed inclusivo"

si sta svolgendo proprio in queste settimane ed è curato da docenti madrelingua sordi altamente specializzati che portano in classe, in compresenza con i docenti curriculari, un percorso educativo utilizzando la Lingua dei Segni e con l'ausilio degli Assistenti alla Comunicazione, sulle seguenti tematiche:

-educazione al rispetto delle regole,

-educazione alle emozioni,

-educazione alla solidarietà,

-educazione al rispetto dei beni comuni

L’idea è di lavorare sul riconoscimento del valore delle regole e sulla sua consapevole applicazione all’interno del gruppo classe prima di tutto, e nel contesto della comunità scolastica dove ogni giorno si presenta l’occasione di confrontarsi con compagni e coetanei in modo appropriato, senza che il comportamento di nessuno possa creare disagio agli altri e viceversa.

Parole/segni come rispetto, condivisione e quotidianità sono i collegamenti di un ragionamento più ampio che vuole portare gli alunni di questa scuola a riflettere sul benessere personale e di gruppo e sulla possibilità di creare tutti insieme un clima disteso e costruttivo di lavoro affinchè le giornate a scuola siano un proficuo momento di crescita personale oltre che un’opportunità didattica.

Per dettagli sull’erogatore dell’offerta formativa: https://cabss.org/

 

cabbs3

Ci siamo, sono arrivate le vacanze di Natale, il magico momento che tutti, grandi e piccoli, soprattutto nel mondo della scuola, attendevamo con ansia.
Ma quest’anno...
Probabilmente saranno giorni strani. Dovremo mettere da parte molte delle nostre abitudini e delle nostre tradizioni, dovremo rinunciare a quell’atmosfera morbida e rassicurante delle grandi tavolate, dei parenti…
Sarà senz’altro un Natale diverso, senz’altro più intimo, per alcuni più triste, ci saranno dei posti vuoti a tavola, per molti sarà un Natale di preoccupazione per la salute, per il lavoro. Ma, forse, sarà un Natale più autentico, sarà il vero Natale.
Papa Francesco in questi giorni ha detto: “il consumismo ci ha sequestrato il Natale”.
Il mio augurio, quest’anno, è di ritrovare, in questo clima teso, triste, sospeso, fatto di assenze e di posti vuoti a tavola, la vera essenza del Natale.
Buon Natale a tutte e a tutti.

La vostra Preside

buon natale yellow - Albergo Al Cervo

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.

Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori informazioni